fbpx
  • Perugia

    23 ottobre 2020

    "Emersione anticipata della crisi tra diritto emergenziale e codice della crisi”

    Leggi Tutto
  • Firenze

    20-21 novembre 2020

    "Le soluzioni negoziali e processuali della crisi tra diritto emergenziale e Codice della Crisi"
    Convegno per il decennale dell'OCI

    Leggi Tutto
  • Catania

    Rifissato al 11 e 12 giugno 2021

    "Le “Responsabilità” nel codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza"

    Leggi Tutto
  • Ancona

    Rinviato in attesa di nuova data nel 2021

    "Allerta, misure cautelari e protettive. Una nuova tutela per i creditori?"

    Leggi Tutto
  • Bari

    Rinviato in attesa di nuova data nel 2021

    "La realizzazione concorsuale del credito: dalla legge fallimentare al Codice della crisi"
    Convegno dedicato a Giovanni Lo Cascio

    Leggi Tutto
  • Bologna

    17-19 settermbre 2020

    "Nona edizione di InsolvenzFest - i dialoghi pubblici per capire crisi debiti e diritti. Debiti e disuguaglianze"

    Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento)

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(2 Voti)

Può un decreto legge aspirare a superare il dissesto societario con la forza della definizione e delle presunzioni normative? La domanda non è senza ragioni. Pare questa, infatti, una delle principali ambizioni del Decreto Legge 8 aprile 2020 n. 23 (cd. D.L. Liquidità), prontissimo nel concedere importanti iniezioni di tempo alle imprese in crisi da COVID; ma non solo a quelle.

Difronte alle gravi crisi del capitale sociale e allo stato prossimo al dissesto sembrano inertizzati alcuni doveri tradizionali di immediata informazione e di adeguata gestione dello squilibrio economico.

Così, se il codice della crisi di impresa e dell’insolvenza muoveva dalla convinzione che l’emersione della crisi dovesse essere il principale interesse da tutelare, qualche smarrimento sovviene nel registrare che il D.L. liquidità sembra offrirci un valore opposto: la proprietà benefica del temporeggiare nella crisi o nell’insolvenza, se non quella di nasconderne la realtà. 

Quale che sia l’aspirazione autentica del decreto dell’emergenza, è bene considerarne gli inevitabili effetti riflessi sulle fattispecie penali della crisi di impresa, la cui protezione resterà temporaneamente incisa nel contenuto, ma non stravolta nella struttura.

Oltre a passare in rassegna i termini di questa temporanea riduzione della portata delle diverse figure di reati fallimentari, si illustrano le ragioni per le quali l’intervento normativo d’urgenza allontana la praticabilità di un ripensamento, pur necessario, dell’impostazione della tutela penale nel settore della crisi di impresa e dell’insolvenza.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 653 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.