fbpx
  • Bari

    Rinviato in attesa di nuova data nel 2020

    "La realizzazione concorsuale del credito: dalla legge fallimentare al Codice della crisi"
    Convegno dedicato a Giovanni Lo Cascio

    Leggi Tutto
  • Ancona

    Rinviato in attesa di nuova data nel 2020

    "Allerta, misure cautelari e protettive. Una nuova tutela per i creditori?"

    Leggi Tutto
  • Catania

    Rifissato al 11 e 12 giugno 2021

    "Le “Responsabilità” nel codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza"

    Leggi Tutto
  • Bologna

    17-19 settermbre 2020

    "Nona edizione di InsolvenzFest - i dialoghi pubblici per capire crisi debiti e diritti. Debiti e disuguaglianze"

    Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento)

    Leggi Tutto
  • Perugia

    23-24 ottobre 2020

    "L’apertura delle nuove procedure concorsuali: prime applicazioni”

    Leggi Tutto
  • Firenze

    20-21 novembre 2020

    "Le soluzioni negoziali e processuali della crisi tra diritto emergenziale e Codice della Crisi"
    Convegno per il decennale dell'OCI

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(0 Voti)

Superato il lockdown imposto dall’emergenza virale, nonostante (e forse anche per) le protezioni riconosciute dal D.L. n. 23/2020 a tutti gli imprenditori, nessuno escluso, tra qualche mese è facilmente prevedibile una crescita esponenziale delle situazioni di crisi o insolvenza delle imprese.

Lo slittamento dell’entrata in vigore del CCII al 1°.09.2021 lascerà quindi l’onere del governo di queste prossime situazioni all’attuale legge fallimentare, pur rinnovata dall’intervento riformatore del D. Lgs. n. 5/2006 e successive modifiche.

 Questa prevede procedure (fallimento e concordato preventivo, soprattutto) che, al di là della loro efficienza in termini di recovery ratio, da un lato hanno meccanismi di funzionamento farraginosi e onerosi per il sistema giudiziario, oltre che per i creditori, ovvero, da un altro lato, richiedono, per il loro successo, lunghe e alle volte estenuanti trattative senza un’adeguata protezione del patrimonio dell’imprenditore (accordo di ristrutturazione dei debiti).

Sembra quindi utile immaginare una procedura che condivida dell’ARD la snellezza ma senza la necessità di giungere alle soglie del tribunale solo dopo avere esaurito il percorso di contrattazione con i creditori, con una gestione della fase giudiziaria limitata agli essenziali controlli di legalità e complessivamente meno onerosa, per uffici, debitore e, quindi, massa dei creditori, rispetto all’attuale ARD e, soprattutto, al concordato preventivo.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 366 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.