fbpx
  • Bari

    Rinviato in attesa di nuova data nel 2020

    "La realizzazione concorsuale del credito: dalla legge fallimentare al Codice della crisi"
    Convegno dedicato a Giovanni Lo Cascio

    Leggi Tutto
  • Ancona

    Rinviato in attesa di nuova data nel 2020

    "Allerta, misure cautelari e protettive. Una nuova tutela per i creditori?"

    Leggi Tutto
  • Catania

    Rifissato al 11 e 12 giugno 2021

    "Le “Responsabilità” nel codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza"

    Leggi Tutto
  • Bologna

    17-20 settermbre 2020

    "Nona edizione di InsolvenzFest - i dialoghi pubblici per capire crisi debiti e diritti. Debiti e disuguaglianze"

    Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento)

    Leggi Tutto
  • Perugia

    23-24 ottobre 2020

    "L’apertura delle nuove procedure concorsuali: prime applicazioni”

    Leggi Tutto
  • Firenze

    20-21 novembre 2020

    "Rilevazione della crisi e allerta: prime applicazioni"

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(6 Voti)

La crisi finanziaria determinata dall'emergenza sanitaria ha inciso come un bisturi anche su imprese “sane”, che fino al 9 marzo 2020 veleggiavano verso la prospettiva di utili ormai acquisiti, sull'onda lunga di una ormai raggiunta prosperità. Il tornado infettante ha macchiato la purezza operativa di tali imprese che, quindi, per affrontare e superare la crisi, non possono certo sperimentare sulla loro pelle il passaggio delle “carte in tribunale”, fase ineludibile per accordi di ristrutturazione, concordati preventivi o amministrazioni controllate “redivive”. È forse giunto il momento di invitare a pranzo il convitato di pietra, che se ne è stato alla larga dal banchetto per troppi anni, ma che, se opportunamente valorizzato ed arricchito, ben potrebbe traghettare le imprese “sane” fuori dalla tempesta economica: è il piano attestato di risanamento, eventualmente supportato, de iure condendo, dall'automatic stay. L'impresa “sana” non merita, anche per il buon nome commerciale da salvaguardare, le forche caudine del tribunale fallimentare, ma deve volgere lo sguardo alla fase stragiudiziale, con una maggiore responsabilizzazione dei professionisti. Solo da un innalzamento dell'etica dei gruppi professionali, come una sorta di immunità di gregge, si potrà superare la crisi sistemica.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 564 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.