fbpx
  • Bari

    27-28 marzo 2020

    "La realizzazione concorsuale del credito: dalla legge fallimentare al Codice della crisi"
    Convegno dedicato a Giovanni Lo Cascio

    Leggi Tutto
  • Ancona

    17-18 aprile 2020

    "Allerta, misure cautelari e protettive. Una nuova tutela per i creditori?"

    Leggi Tutto
  • Catania

    12-13 giugno 2020

    "Le “Responsabilità” nel codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza"

    Leggi Tutto
  • Bologna

    17-20 settermbre 2020

    "Nona edizione di InsolvenzFest - i dialoghi pubblici per capire crisi debiti e diritti. Debiti e disuguaglianze"

    Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento)

    Leggi Tutto
  • Perugia

    23-24 ottobre 2020

    "L’apertura delle nuove procedure concorsuali: prime applicazioni”

    Leggi Tutto
  • Firenze

    20-21 novembre 2020

    "Rilevazione della crisi e allerta: prime applicazioni"

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel contributo si analizza il fenomeno del lobbying, nell’ambito del moderno Stato di democrazia pluralista, ricorrendo alla metafora del rapporto “creditore-debitore”. In particolare – premessa la espansione delle relazioni lobbistiche, che innervano le Istituzioni ed influenzano i processi decisionali politici pubblici – l’Autore si interroga sulla sussistenza di un vincolo “fiduciario” fra il titolare dell’interesse ed il suo rappresentante (i.e. il lobbista) analogo a quello che lega l’elettore “creditore” all’eletto “debitore”. A tal fine l’Autore sintetizza le modalità di regolamentazione del lobbying: negli USA e nella UE – ove tale fenomeno è ritenuto elemento fisiologicamente connesso alla attività del decisore politico e, pertanto, formalmente acquisito all’ordinamento giuridico-istituzionale – ed in Italia ove, invece, persiste una certa resistenza alla normativizzazione dei cd. gruppi di pressione; con l’unica eccezione delle procedure di “registrazione” attuate in alcune sedi ministeriali (i.e. MISE, MIPAAFT e MATTM) e dalla Camera dei deputati – oltreché da alcune Regioni – finalizzate a rendere quanto più trasparente possibile il procedimento di selezione, elaborazione e adozione delle politiche pubbliche. La conclusione della breve analisi induce a ritenere che proprio il rapporto fra portatore di interesse e gruppo di pressione sia assimilabile a quello fra creditore e debitore – perlomeno in un sistema democratico-parlamentare – molto più di quanto non lo sia quello fra elettore ed eletto: il lobbista si impegna infatti a patrocinare l’interesse portato nel rispetto dei contenuti indicati dal rappresentato – ancorché con libertà di modi e forme di relazione politica – e non anche a riformularli in termini di “bene comune” o “collettivo”. Da qui, pertanto, la stringente esigenza di una organica legislazione in materia, urgente anche in Italia.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 246 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.