fbpx
  • Perugia

    25-26 ottobre 2019

    "I soggetti e l’apertura della procedura concorsuale”

    Leggi Tutto
  • Montecatini

    29-30 novembre 2019

    "Insolvenze minori e procedure concorsuali: aspettando il Codice della crisi"

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel contributo si analizza il fenomeno del lobbying, nell’ambito del moderno Stato di democrazia pluralista, ricorrendo alla metafora del rapporto “creditore-debitore”. In particolare – premessa la espansione delle relazioni lobbistiche, che innervano le Istituzioni ed influenzano i processi decisionali politici pubblici – l’Autore si interroga sulla sussistenza di un vincolo “fiduciario” fra il titolare dell’interesse ed il suo rappresentante (i.e. il lobbista) analogo a quello che lega l’elettore “creditore” all’eletto “debitore”. A tal fine l’Autore sintetizza le modalità di regolamentazione del lobbying: negli USA e nella UE – ove tale fenomeno è ritenuto elemento fisiologicamente connesso alla attività del decisore politico e, pertanto, formalmente acquisito all’ordinamento giuridico-istituzionale – ed in Italia ove, invece, persiste una certa resistenza alla normativizzazione dei cd. gruppi di pressione; con l’unica eccezione delle procedure di “registrazione” attuate in alcune sedi ministeriali (i.e. MISE, MIPAAFT e MATTM) e dalla Camera dei deputati – oltreché da alcune Regioni – finalizzate a rendere quanto più trasparente possibile il procedimento di selezione, elaborazione e adozione delle politiche pubbliche. La conclusione della breve analisi induce a ritenere che proprio il rapporto fra portatore di interesse e gruppo di pressione sia assimilabile a quello fra creditore e debitore – perlomeno in un sistema democratico-parlamentare – molto più di quanto non lo sia quello fra elettore ed eletto: il lobbista si impegna infatti a patrocinare l’interesse portato nel rispetto dei contenuti indicati dal rappresentato – ancorché con libertà di modi e forme di relazione politica – e non anche a riformularli in termini di “bene comune” o “collettivo”. Da qui, pertanto, la stringente esigenza di una organica legislazione in materia, urgente anche in Italia.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 57 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.