fbpx
Estensore: SGROI S.
PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI DEL CONSUMATORE
Piano di ristrutturazione del consumatore - Qualifica di consumatore – Fideiussore - Requisiti - Fattispecie.
a cura di Lucia Fantozzi (02-04-2024)

At.00125 - Tribunale di ANCONA del 01-02-2016

Autore: BARTOLINI A.; STELLUTI A.
FALLIMENTO ED ALTRE PROCEDURE CONCORSUALI - FALLIMENTO - LIQUIDAZIONE DELL'ATTIVO - VENDITA DI IMMOBILI - IN GENERE -
Contratto preliminare di vendita - Subentro del curatore ex art. 72 l.f. - Autorizzazione del giudice delegato - Cancellazione delle formalità pregiudizievoli ex art. 108, co. 2, l.f. - Ammissibilità.
a cura di Giacomo Maria Nonno (27-02-2016)

Mdc.00009 - Tribunale di PRATO del 26-10-2023

PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - IN GENERE
Rapporti tra mediazione in materia bancaria e procedure di sovraindebitamento - Esperienza trasversale e competenze comuni agli Organismi ex art. 16 d.lgs. n. 28 del 2010 e agli OCC - Valorizzazione - Obiettivi e modalità di attuazione.
a cura di Redazione OCI (28-10-2023)
Foto 1 Redattore e inviato per il programma "In Onda" (LA7). Romano, nato nei giorni della merla del 1991, si definisce di “background popolare, ex-tabagista, ora tobagista” (per la Scuola di giornalismo Walter Tobagi). Laureato magistrale in “Editoria e Giornalismo” all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, con premiata tesi sulla condizione del lavoro giornalistico, studi mancati vicino a Bristol e seguiti in Scozia. Quindi Milano. Ha collaborato con alcune testate (Corriere del Mezzogiorno, Video journalist, Open) occupandosi di attualità, cronaca ed esteri, contribuendo alla realizzazione di un documentario e a progetti con associazioni per il diritto all’informazione. S’interessa di contesti metropolitani e delle dinamiche politiche e sociali che vi intercorrono.
Foto 1 Nato nel 1955, in magistratura dal 1984, ha iniziato da sostituto procuratore a Enna dove è rimasto fino al 1989, quando è stato trasferito a Reggio Calabria, prima come sostituto procuratore presso la Pretura, poi come giudice presso il Tribunale e ancora come consigliere alla Corte d’Appello e infine come sostituto procuratore alla Procura della Repubblica presso il tribunale, dove ha fatto parte della Direzione Distrettuale Antimafia. Quale GIP di Reggio Calabria si è occupato dell’omicidio del giudice Cesare Terranova (ucciso il 25/9/1979 a Palermo insieme a Lenin Mancuso, della sua scorta) e dell’omicidio del giudice Antonino Scopelliti, ucciso a Villa S. Giovanni il 9/8/1991. In entrambi i processi erano imputati i capi di Cosa Nostra. Da componente della DDA di Reggio, è stato referente distrettuale per i procedimenti riguardanti la tratta degli esseri umani e del settore cattura latitanti. Si è occupato di diverse importanti indagini tra cui quella…
Foto 1 Associato di economia e gestione delle imprese all’Università di Salerno e con analogo incarico d’insegnamento all’Università di Milano Bicocca (Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali e Diritto per l'Economia), da tempo approfondisce tematiche pertinenti all'innovazione nei modelli di business, alla realtà aumentata nel sistema distributivo, alla place heritage ed alla corporate reputation. Autrice di oltre 120 pubblicazioni, anche in inglese, collabora al Corriere del Mezzogiorno sui temi dell’economia e dell’innovazione negli investimenti d’impresa. Tra gli impegni editoriali co-direttore della Rivista Scientifica “Esperienze d’Impresa” (Franco Angeli, Milano), Delegato Italia per Global Innovation and Knowledge Academy (GIKA, USA), componente del Comitato Editoriale della Rivista Scientifica “Journal of Innovation and Knowledge” (Elsevier, London, UK).
Foto 1 Ordinario di Economia degli intermediari finanziari dal 1993, ha iniziato la carriera accademica all'Università Bocconi di Milano nel 1981. Ha insegnato all’Università di Bergamo e di Siena, alla Nuova Accademia di Belle Arti (NABA, di Milano) e all’Università di Messina, ora è docente all'Università della Calabria, nel Dipartimento di studi umanistici. È autore di numerosi articoli e saggi, fra cui La dittatura del PIL (Marsilio, 2007), La crisi della fiducia. Le colpe del rating nel crollo della finanza globale (2008) e la traduzione dell’inedito Le mie prime convinzioni di John Maynard Keynes (Adelphi, 2012). Ha pubblicato Lettera a uno studente universitario (2013); Marx&Keynes. Un romanzo economico (2014) e C'era una volta una scienza triste (2015). Sulla finanza monetaria ha pubblicato: Il miracolo dei soldi (2010), La morte del denaro (con Carla Della Beffa, 2016) e da ultimo La buona moneta. Come azzerare il debito pubblico e vivere felici (o solo…
Foto 1 Nato a Candia Lomellina nel 1950, dopo la laurea in giurisprudenza all'Università di Genova è entrato in Magistratura nel 1978, iniziando la sua carriera come giudice presso il Tribunale di Vigevano, dal 1981 divenendo Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Milano, dove si è occupato prevalentemente di reati finanziari, societari e contro la Pubblica Amministrazione. Successivamente è divenuto Consigliere della Corte d'appello di Milano. È attualmente e dal 2005 Consigliere presso la Corte di Cassazione ed ora Presidente di Sezione. Nel contesto giudiziario milanese ha composto, nei primi anni Novanta, il pool Mani Pulite, insieme ai colleghi Antonio Di Pietro, Francesco Saverio Borrelli, Gerardo D'Ambrosio, Ilda Boccassini, Gherardo Colombo, Francesco Greco, Tiziana Parenti e Armando Spataro. Ha avuto cariche rappresentative negli organismi elettivi dell'Associazione Nazionale Magistrati (ANM), per il gruppo di "Magistratura Indipendente" e poi divenendo dal febbraio 2015 il Presidente di Autonomia e indipendenza. Dall’aprile del 2016…
Foto 1 Di famiglia bellunese, nato a Milano (1953), laureato in Giurisprudenza alla Statale di Milano, la sua carriera giornalistica inizia nel 1973, come praticante al Corriere dei ragazzi. Lavora poi per il Corriere d'Informazione, il Corriere della Sera e L'Europeo. Nel 1986 è caporedattore al Sole-24 Ore, l'anno dopo torna al Corriere della Sera come caporedattore dell'economia. Nel 1993 è vicedirettore e nel 1997 ne assume la guida. È stato due volte direttore del Corriere della Sera, dal 1997 al 2003 e dal 2009 al 2015, nonché direttore del Sole 24 Ore dal 2005 al 2009. Dal 2015 è presidente dell'Associazione Vidas di Milano. Attualmente è presidente della casa editrice Longanesi. Dal maggio 2015 editorialista del quotidiano svizzero in lingua italiana Corriere del Ticino. Tra gli incarichi, è stato presidente della casa editrice Flammarion S.A. e vicepresidente dell'Associazione italiana editori, nonché presidente della "Fondazione Pier Lombardo - Teatro Franco Parenti", della…
Foto 1 Caporedattore di Norme e Tributi al Sole 24 ore. Giornalista professionista dal 1992. Ha iniziato a lavorare presso il «Corriere di Novara» (alla cronaca e nel coordinamento redazionale) durante gli studi universitari (Filosofia). Ha collaborato con l’editrice Abitare Segesta (occupandosi di mercato delle costruzioni, disciplina degli appalti) e con il bisettimanale Corriere di Novara. Assunta da «Il Sole 24 Ore» nel 1992/1993. Si è occupata del settore istruzione (normativa relativa alla scuola e all’università), di servizi professionali, di dottrina del lavoro e di normativa pensionistica. Autrice, con Mauro Meazza, del saggio "Professioni e professionisti"(Il Sole 24 Ore" editore).
Foto 1 In Magistratura dal 1990, dapprima alla Procura del Tribunale di Palermo, ha vissuto il drammatico periodo delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Dal 1998 componente della Direzione Distrettuale Antimafia, dove ha sviluppato un’esperienza investigativa e processuale relativa al fenomeno mafioso. Tra le principali inchieste condotte dall’Ufficio in quegli anni: la tangentopoli siciliana, il processo del tavolino (infiltrazioni di Cosa nostra negli appalti), il processo Grande mandamento (che ha annientato la rete dei favoreggiatori di Bernardo Provenzano), il processo Gotha (con la cattura nel giugno 2006 di 16 dei capi mandamento mafiosi che governavano Palermo), il processo sulle talpe (con la condanna dell’allora presidente della Regione Siciliana a 7 anni di reclusione, per favoreggiamento aggravato all’organizzazione mafiosa). Dal giugno 2009 al luglio 2017, sostituto Procuratore Nazionale Antimafia, dove ha continuato il collegamento investigativo con le DDA di Palermo e Caltanissetta e la gestione dei detenuti sottoposti all’art 41 bis o.p.;…
Foto 1  In magistratura dal 1981, dal 2009 è in servizio presso la Direzione Nazionale Antimafia, ove dirige il ‘polo corruzione’ e si occupa delle infiltrazioni criminali negli appalti, incluso il settore del gioco, dopo essere stata sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torino (1982-1988), magistrato presso il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del Ministero della Giustizia (1988-1991), sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Roma (1991-1999) dove, dal 1998 al 2007, ha fatto parte della DDA e poi del gruppo reati contro la personalità dello Stato. Ha diretto e coordinato indagini su delitti contro la Pubblica Amministrazione, di mafia e di terrorismo. Presso la DDA romana ha seguito numerose inchieste su traffici internazionali di stupefacenti, sequestri a scopo di estorsione e associazione di stampo mafioso con riferimento alla penetrazione, soprattutto nel territorio del basso Lazio, di esponenti camorristi. Tra le indagini, i procedimenti su un vastissimo traffico internazionale di droghe…
Foto 1 Professore emerito di Sociologia del lavoro presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Punti essenziali del suo paradigma: la società postindustriale e i suoi aspetti socio-economici, i bisogni emergenti, i nuovi soggetti sociali, la creatività, il lavoro, il telelavoro, l’ozio creativo, il tempo libero, i paradossi sociali e aziendali. Di amplissima divulgazione, tra i suoi testi, La fantasia e la concretezza (2003), Il futuro del lavoro (1999 e 2007), Ozio creativo (1995, 2000), pubblicati da Rizzoli. Tra i più riconosciuti sociologi contemporanei, ha svolto attività di ricerca e insegnamento a Milano, Sassari, Roma, Napoli, oltre che in Brasile. Ha fondato la S3-Studium, società di consulenza organizzativa, di cui è direttore scientifico. E’ membro del Comitato etico di Siena Biotech e del Comitato Scientifico della Fondazione Veronesi. E’ stato preside della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma, dove ha insegnato Sociologia del lavoro; presidente dell’In/Arch, Istituto Italiano di…

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.