fbpx

Estensore: DE PALMA M. - Presidente: SIMONE R.
PROCEDIMENTO UNITARIO - IN GENERE
Istanza di apertura della liquidazione giudiziale - Richiesta di rinvio della prima udienza ad opera di entrambe le parti - Decadenza ex art. 40, comma 10, CCII - Applicazione - Ragioni.
Articoli interessati  ART. 40 (D.Lgs 14/2019)  ART. 37 (D.Lgs 14/2019)  
a cura di Giulia Pancioli (12-05-2024)

At.00125 - Tribunale di ANCONA del 01-02-2016

Autore: BARTOLINI A.; STELLUTI A.
FALLIMENTO ED ALTRE PROCEDURE CONCORSUALI - FALLIMENTO - LIQUIDAZIONE DELL'ATTIVO - VENDITA DI IMMOBILI - IN GENERE -
Contratto preliminare di vendita - Subentro del curatore ex art. 72 l.f. - Autorizzazione del giudice delegato - Cancellazione delle formalità pregiudizievoli ex art. 108, co. 2, l.f. - Ammissibilità.
a cura di Giacomo Maria Nonno (27-02-2016)

Mdc.00009 - Tribunale di PRATO del 26-10-2023

PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - IN GENERE
Rapporti tra mediazione in materia bancaria e procedure di sovraindebitamento - Esperienza trasversale e competenze comuni agli Organismi ex art. 16 d.lgs. n. 28 del 2010 e agli OCC - Valorizzazione - Obiettivi e modalità di attuazione.
a cura di Redazione OCI (01-05-2024)
Vota questo articolo
(0 Voti)

L’autore, evidenziati gli elementi di distinzione tra il piano in continuità diretta o indiretta e quello che preveda la prosecuzione dell’attività di impresa in funzione della liquidazione (ipotesi espressamente prevista dagli artt. 95, 2° co. e 99, 1° co. CCII), mette in luce i criteri ritenuti più idonei a consentire la qualificazione del piano quando sia previsto il trasferimento della proprietà dell’azienda in esercizio, potendosi ravvisare un’evanescente linea di confine tra cessione con finalità liquidatoria e cessione che rappresenti il titolo della continuità indiretta, specie allorché il corrispettivo venga versato immediatamente o comunque anticipatamente rispetto alla conclusione del processo di risanamento dell’impresa. Lo scritto mette in luce che, il più delle volte, il rispetto dello scopo di conservazione dei valori aziendali da parte del terzo cessionario o conferitario dell’azienda ai fini della continuità indiretta non è suscettibile di effettivo controllo.

Vengono inoltre delineate le questioni che, sia a livello interpretativo, sia a livello attuativo, discendono dall’ambigua disposizione prevista dall’8° co. dell’art. 84 CCII.

Riferimenti normativi

Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (d.lgs.12 gennaio 2019 n. 14)

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 887 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.