fbpx
  • Catania

    Rifissato al 11 e 12 giugno 2021

    "Le “Responsabilità” nel codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza"

    Leggi Tutto
  • Ancona

    Rinviato in attesa di nuova data nel 2021

    "Allerta, misure cautelari e protettive. Una nuova tutela per i creditori?"

    Leggi Tutto
  • Bologna

    23-26 settermbre 2021

    "Decima edizione di InsolvenzFest - i dialoghi pubblici per capire crisi debiti e diritti."

    Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento)

    Leggi Tutto
  • Bari

    22-23 ottobre 2021

    "La realizzazione concorsuale del credito: dalla legge fallimentare al Codice della crisi"
    Convegno dedicato a Giovanni Lo Cascio

    Leggi Tutto
  • Firenze

    26-27 novembre 2021

    "L'emersione anticipata della crisi: il crocevia delle misure di allerta verso la composizione negoziale o le nuove procedure della riforma"
    Convegno per il decennale dell'OCI

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(0 Voti)
Curriculum di Andrea Maria Azzaro (Ordinario di diritto privato presso l’Università San Raffaele di Roma) e Paolo Bastia (Ordinario di economia aziendale presso l’Università di Bologna)

La necessaria convivenza, nelle procedure che prevedono la continuità aziendale, della disciplina dell’”impresa individuale” con le regole che pretendono di trasporre sul piano giuridico un fenomeno che vive come entità economica unitaria, pone rilevanti problemi interpretativi, che sorgono dalla esigenza di conciliare la tutela dei creditori delle singole aziende con l’interesse a recuperare in sede concorsuale le sinergie infragruppo nell’ambito di una complessa “operazione economica”.

Più abbordabile si presenta, ma solo apparentemente, il tema della liquidazione giudiziale di gruppo, retta dal principio base del “coordinamento degli attivi” in favore dei creditori, giacché occorre verificare come in concreto possa svolgersi una procedura che sconta in nuce il possibile contrasto sull’interesse alla “migliore soddisfazione” di tutti e ciascuno dei creditori delle imprese avvinte alla procedura unitaria.

Un problema destinato ad accentuarsi ove si ritenga applicabile anche alla liquidazione giudiziale di gruppo il concordato come forma di chiusura della procedura, dovendo in tal caso individuarsi i limiti in cui possa rilevare l’interesse del soggetto che propone il concordato.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 320 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.