fbpx

Estensore: SGROI S.
PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI DEL CONSUMATORE
Piano di ristrutturazione del consumatore - Qualifica di consumatore – Fideiussore - Requisiti - Fattispecie.
a cura di Lucia Fantozzi (02-04-2024)

At.00125 - Tribunale di ANCONA del 01-02-2016

Autore: BARTOLINI A.; STELLUTI A.
FALLIMENTO ED ALTRE PROCEDURE CONCORSUALI - FALLIMENTO - LIQUIDAZIONE DELL'ATTIVO - VENDITA DI IMMOBILI - IN GENERE -
Contratto preliminare di vendita - Subentro del curatore ex art. 72 l.f. - Autorizzazione del giudice delegato - Cancellazione delle formalità pregiudizievoli ex art. 108, co. 2, l.f. - Ammissibilità.
a cura di Giacomo Maria Nonno (27-02-2016)

Mdc.00009 - Tribunale di PRATO del 26-10-2023

PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - IN GENERE
Rapporti tra mediazione in materia bancaria e procedure di sovraindebitamento - Esperienza trasversale e competenze comuni agli Organismi ex art. 16 d.lgs. n. 28 del 2010 e agli OCC - Valorizzazione - Obiettivi e modalità di attuazione.
a cura di Redazione OCI (28-10-2023)
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il presente contributo si occupa della prededuzione del credito del professionista nel concordato preventivo e nell’eventuale successivo fallimento. Nella consapevolezza che si tratta di un tema arato, ma non univocamente risolto dalla giurisprudenza della S.C. e che si tratta di un postulato sicuramente condivisibile quello di non gravare in misura eccessiva sull’attivo disponibile per la massa dei creditori, l’Autore critica la tesi dell’utilità in concreto, evidenziando che più persuasiva risulta la tesi diametralmente opposta, che considera l’attività di assistenza all’imprenditore strumentale all’accesso al concordato, in linea di principio, sempre utile ai creditori, dal momento che solo per effetto del deposito del ricorso ex art. 161 (anche “con riserva”) prende a operare la regola della par condicio e cessano di decorrere, ex art. 55, gli interessi sui crediti chirografari (cosa che la semplice messa in liquidazione della società non produce), scongiurandosi in tal modo l’aggravamento del dissesto. Del resto la tesi dell’utilità concreta è difficilmente conciliabile con la natura di obbligazione di mezzi della prestazione professionale: se quest’ultima non è svolta con la dovuta diligenza non si pone tanto un problema di prededuzione, quanto di esistenza stessa del credito. Nell’ultima parte dello scritto, infine, l’Autore si sofferma sulla problematica del pagamento dei crediti prededucibili in corso di procedura.

Articoli della legge fallimentare interessati: ART. 111 (l.f.)ART. 161 (l.f.), ART. 173 (l.f.), ART. 182quater (l.f.)

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 5827 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.