fbpx

Estensore: SGROI S.
PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI DEL CONSUMATORE
Piano di ristrutturazione del consumatore - Qualifica di consumatore – Fideiussore - Requisiti - Fattispecie.
a cura di Lucia Fantozzi (02-04-2024)

At.00125 - Tribunale di ANCONA del 01-02-2016

Autore: BARTOLINI A.; STELLUTI A.
FALLIMENTO ED ALTRE PROCEDURE CONCORSUALI - FALLIMENTO - LIQUIDAZIONE DELL'ATTIVO - VENDITA DI IMMOBILI - IN GENERE -
Contratto preliminare di vendita - Subentro del curatore ex art. 72 l.f. - Autorizzazione del giudice delegato - Cancellazione delle formalità pregiudizievoli ex art. 108, co. 2, l.f. - Ammissibilità.
a cura di Giacomo Maria Nonno (27-02-2016)

Mdc.00009 - Tribunale di PRATO del 26-10-2023

PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO - IN GENERE
Rapporti tra mediazione in materia bancaria e procedure di sovraindebitamento - Esperienza trasversale e competenze comuni agli Organismi ex art. 16 d.lgs. n. 28 del 2010 e agli OCC - Valorizzazione - Obiettivi e modalità di attuazione.
a cura di Redazione OCI (28-10-2023)
Vota questo articolo
(1 Vota)

La mediazione in materia bancaria e finanziaria ed il sovraindebitamento sono destinati ad incrociarsi: per la comune finalità di composizione del conflitto di interessi tra debitore e creditore e poiché le situazioni di sovraindebitamento trovano, tra i principali interlocutori del debitore, proprio i creditori del mondo bancario e finanziario.

L’incontro tra i mondi della mediazione e del sovraindebitamento è destinato ad essere approfondito specie nelle ipotesi in cui il debitore abbia risorse non tali da consentirgli di restituire la somma erogata in linea capitale dalla banca. Così lo spostamento dell’attività di mediazione, dalle complesse questioni attinenti la normativa bancaria alle realistiche possibilità del debitore di restituire le somme prestate dalla banca, consente di affrontare il tema della ristrutturazione del debito, grazie al possibile accesso alle procedure disciplinate dalla legge 27 gennaio 2012, n. 3. Si coniuga così sia l’interesse del debitore ad esdebitarsi, sia quello del creditore ad ottenere subito la miglior realizzazione possibile del proprio diritto. Ed anche quello pubblico a concentrare in un’unica procedura concorsuale quattro potenziali processi (tre gradi del processo finalizzato all’accertamento del credito, con la condanna del debitore e una procedura di espropriazione forzata). Protagonisti della mediazione e delle crisi da sovraindebitamento sono, rispettivamente, gli organismi di mediazione, disciplinati dal d.lgs. n. 28/2010 e gli organismi di composizione della crisi, disciplinati dall’art. 15 legge n. 3/2012. La presenza di figure professionali riconducibili ad entrambi può favorire la formazione di una cultura che riesca ad armonizzare l’applicazione della legge n. 3/2012 e del d.lgs. n. 28/2010.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 4173 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.