fbpx
Stampa questa pagina
Vota questo articolo
(2 Voti)
Curriculum di Alberto Tron (Incaricato di finanza aziendale presso l’Università Bocconi), Eugenio Favale (Dottore commercialista in Milano) e Federico Vermicelli (Avvocato del foro di Milano)

L’ambizioso programma di sostegno alle imprese adottato dal Governo con la pubblicazione del Decreto Liquidità dello scorso 8 aprile, trova un importante e preoccupante limite nelle imprese in crisi. Gli autori descrivono nel dettaglio le ragioni che rendono – di fatto – inapplicabili le principali clausole del Decreto Liquidità per le aziende italiane che, anche prima dell’emergenza da COVID-19, si erano trovate in difficoltà economica e finanziaria. Nelle pieghe delle varie clausole del decreto si trovano, infatti, limiti, vincoli e condizioni che, se analizzati con attenzione, appaiono insormontabili per tale categoria di imprese. Il contributo descrive l’ampio ventaglio delle cosiddette imprese con esposizioni UTP, ricorda la sua magnitudine a livello nazionale, anticipa le problematiche e gli ostacoli che vengono posti dal Decreto Liquidità e fornisce alcune possibili soluzioni per ovviare a tale rilevante lacuna.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 1690 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.