fbpx
  • Bologna

    15-18 settermbre 2022

    Undicesima edizione di InsolvenzFest
    Debiti e giovani

    Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento)

    Leggi Tutto
  • Firenze

    11-12 novembre 2022

    Emersione e composizione della crisi: la continuità aziendale

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(3 Voti)

L’azione di responsabilità del curatore nei confronti degli amministratori della società: criteri di imputazione della responsabilità e di determinazione del danno in presenza di un disordine nelle scritture contabili. Cass. S.U. 6 maggio 2015, n. 9100 e la composizione del contrasto giurisprudenziale sorto in seno alla Suprema Corte.

Con la recente sentenza a Sezioni Unite del 6 maggio 2015, n. 9100, la Suprema Corte, intervenendo a comporre un contrasto giurisprudenziale creatosi in seno alla Prima Sezione Civile, ha ritenuto che «Nell'azione di responsabilità promossa dal curatore a norma dell'art. 146, secondo comma, legge fall., la mancata (o irregolare) tenuta delle scritture contabili, pur se addebitabile all'amministratore convenuto, non giustifica che il danno risarcibile sia determinato e liquidato nella misura corrispondente alla differenza tra il passivo accertato e l'attivo liquidato in sede fallimentare, potendo tale criterio essere utilizzato solo quale parametro per una liquidazione equitativa ove ne sussistano le condizioni, sempreché il ricorso ad esso sia, in ragione delle circostanze del caso concreto, logicamente plausibile e, comunque, l'attore abbia allegato un inadempimento dell'amministratore almeno astrattamente idoneo a porsi come causa del danno lamentato, indicando le ragioni che gli hanno impedito l'accertamento degli specifici effetti dannosi concretamente riconducibili alla condotta dell'amministratore medesimo» (così la massima ufficiale redatta dall’Ufficio del Massimario della Cassazione). Nella presente nota vengono riassunti e sottolineati i passaggi più significativi della sentenza, non mancandosene di evidenziare l’importanza a fronte delle interpretazioni di alcune sentenze, soprattutto di merito, che imputano il danno arrecato alla società agli amministratori per il semplice fatto dell’esistenza di un disordine nelle scritture contabili, addebitandogli equitativamente l’intero danno costituito dallo sbilancio tra passivo accertato e attivo liquidato (cd. deficit fallimentare).

Articoli della legge fallimentare interessati: ART. 146 (l.f.)

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Per scaricare la sentenza della Cassazione S.U. del 6 maggio 2015, n. 9100 clicca qui

Letto 6816 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.