• Bologna

    21-23 settembre 2018

    "Settima edizione di InsolvenzFest - Dialoghi pubblici interdisciplinari sull’insolvenza
    La geografia dei debiti"

    Leggi Tutto
  • Bari

    25-26 gennaio 2019

  • Ancona

    5-6 aprile 2019

  • Ventotene

    giugno 2019

TARANTO, Relais Histó - San Pietro sul Mar Piccolo
Venerdì 4 DICEMBRE 2015, ore 09:00 - 19:30

La giornata di studi nella Capitale della Magna Grecia, consente un dibattito pubblico tra alcuni dei componenti della Commissione Ministeriale di riforma delle procedure concorsuali, coordinata dal Presidente dott. Renato Rordorf, ed alcuni rappresentanti della Commissione di Riforma della Legge Fallimentare, istituita dall'Ordine Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, presieduta dal dott. Gerardo Longobardi.

Dal confronto aperto tra magistrati, docenti universitari e professionisti, tutti studiosi della materia, emergeranno i punti di maggiore criticità delle proposte di riforma, gli aspetti che meritano un approfondimento e le soluzioni condivise. Ci si soffermerà, avendo sullo sfondo la Raccomandazione della Commissione Europea del 12 marzo 2014 ed il nuovo Regolamento di Insolvenza Transfrontaliera del 20 maggio 2015 (UE/2015/848), sulla nuova disciplina della emersione anticipata della crisi di impresa, che impatta anche sulla autonomia negoziale del debitore, sulla proposta di concordato preventivo avanzata dal terzo in caso di crisi (pericolo di futura insolvenza), sulla unificazione del procedimento di accertamento giudiziale della crisi e dell'insolvenza, sulla gestione delle procedure concorsuali e sui procedimenti di soluzione delle crisi da sovraindebitamento, anche del consumatore, con il tentativo di “scolpire” i confini della meritevolezza del debitore, con i limiti degli atti in frode e della malafede.

Il confronto nella città del mitologico Taras, da sempre rappresentato a cavallo del suo delfino, costituisce l'ennesima dimostrazione che solo attraverso il confronto dialettico, tra tutti gli attori che “calcano la scena” del palcoscenico della crisi di impresa, è possibile porre le basi per la costruzione di un nuovo e moderno “sistema” concorsuale, in grado di reggere agli scossoni del mercato.

Per ISCRIVERTI AL CONVEGNO clicca qui

SIRACUSA, Palazzo della Camera di Commercio
13-14 NOVEMBRE 2015

Il convegno, "Il professionista di fronte alla crisi prima e dopo il fallimento", articolato in due distinti tempi, il primo ad Ancona e il secondo a Siracusa, nello spirito di continuità tra due città storicamente legate per le origini, si propone di verificare le soluzioni possibili dirette a valorizzare la salvaguardia dell’integrità aziendale prima e dopo la dichiarazione di fallimento.

Atto Secondo – Siracusa

Si valorizzeranno le scelte operate nel corso della procedura di fallimento sempre al fine di non disperdere il valore economico dell’azienda. Verrà approfondito, l’istituto del concordato fallimentare quale possibile strumento di composizione della crisi e di salvaguardia della azienda, ma anche quale opportunità di business per i terzi proponenti e/o assuntori. Si parlerà della sua funzione di possibile alternativa al concordato preventivo, agli accordi di ristrutturazione e ai piani attestati, con analisi comparativa di tutti i menzionati istituti, anche alla luce delle recenti modifiche introdotte dalla l. n. 132 del 2015; e con esame dei riflessi penalistici che, in qualche modo, possono influenzare le determinazioni dell’imprenditore e dei suoi professionisti nella scelta dello strumento idoneo alla soluzione della crisi, nonché delle conseguenze di una scelta errata in termini di responsabilità civile e penale. Saranno, poi, trattate le questioni maggiormente controverse circa il concordato proposto dal fallito e relative alle limitazioni temporali e soggettive, alle modalità di esecuzione e adempimento, alla possibilità o meno di derogare al regime dettato dall’art. 2740 c.c., ai patti paraconcordatari. Ed ancora, si analizzeranno le questioni relative al concordato proposto dal terzo, nelle sue varie forme, con approfondimento dei meccanismi di limitazione ex 124 l.f. e liberazione del fallito, il contenuto della perizia ex art 124, co. 3, anche per il caso del pagamento dilazionato dei prelazionari, della cancellazione delle ipoteche, delle proposte concorrenti (con inevitabile comparazione con il nuovo istituto delle proposte concorrenti nel concordato preventivo), della sorte delle somme dovute ai creditori irreperibili e dell'abuso dello strumento concordatario. Siracusa sarà inoltre la sede, quest’anno, del conferimento del IV Premio OCI alla migliore tesi di laurea svolta in discipline giuridiche ovvero economiche su argomenti inerenti le procedure concorsuali e la crisi d’impresa.

Per ISCRIVERTI AL CONVEGNO clicca qui

ANCONA, Auditorium Mole Vanvitelliana
16-17 OTTOBRE 2015

Il convegno, "Il professionista di fronte alla crisi prima e dopo il fallimento", articolato in due distinti tempi, il primo ad Ancona e il secondo a Siracusa, nello spirito di continuità tra due città storicamente legate per le origini, si propone di verificare le soluzioni possibili dirette a valorizzare la salvaguardia dell’integrità aziendale prima e dopo la dichiarazione di fallimento.

Atto primo – Ancona

Si fornirà una lettura comparata delle opportunità e dei limiti dei singoli strumenti giuridico-organizzativi che consentono la conservazione dell’azienda in esercizio anche in base alla tipologia di crisi alla luce delle recenti modifiche introdotte dalla l. n. 132 del 2015. Attraverso una discussione progettuale, orchestrata ponendosi nell’ottica del professionista che dovrà individuare lo strumento di risanamento più idoneo a garantire la salvaguardia del valore economico dell’azienda e/o la sua continuità, si metteranno a confronto le varie soluzioni possibili, difendendo la scelta operata e spiegandone le ragioni che hanno indotto a privilegiarla rispetto alle altre e diverse opportunità. Si esamineranno specifici casi di ristrutturazioni di imprese, apparentemente condizionate nelle scelte di risanamento dalla natura dell’attività economica svolta o dai contratti in essere, in particolar modo imprese titolari di concessioni pubbliche e demaniali, o di “terzisti” di un unico grande gruppo, nonché i problemi della ristrutturazione delle società di calcio. Si analizzerà, in conclusione, alla luce di quanto emerso nei precedenti dibattiti, l’impatto delle modifiche normative introdotte dalla l. n. 132 del 2015 sulle scelte del professionista nella fase di individuazione di un piano di ristrutturazione che si prefigga di salvaguardare la continuità aziendale e il valore economico e sociale dell’impresa.

Per ISCRIVERTI AL CONVEGNO clicca qui

Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento) FERRARA, Università degli Studi di Ferrara
25-27 SETTEMBRE 2015

Rassegna dialogata a più voci sui temi del debito e delle insolvenze – nel settore privato, delle imprese e nell’economia pubblica – promossa dall’OCI (Osservatorio sulle crisi d’impresa), con il contributo di esperti di diritto, economia, filosofia, letteratura e giornalismo. Nelle aule del Centro storico dell’Università degli Studi di Ferrara dal 25 al 27 settembre 2015.

Destinatari: la cittadinanza, studenti, professionisti e non esperti, interessati al rapporto tra giurisdizione ed insolvenze, nonché alle rappresentazioni mediatiche sui temi della formazione del debito, la concorrenza, la percezione delle crisi finanziarie, economiche e del sovraindebitamento individuale e delle famiglie, l’economia criminale.

Per scaricare il manifesto di InsolvenzFest 2015 clicca qui.

Per scaricare il programma di InsolvenzFest 2015 clicca qui.

Partecipazione gratuita con iscrizione obbligatoria a questo link.

MONTECATINI TERME (PT), Grand Hotel & La Pace
19-20 GIUGNO 2015

La grande crisi, esplosa nel 2008, ha generato un grave aumento dell’indebitamento e delle insolvenze dei soggetti non fallibili, i quali hanno dovuto attendere il 2012 (con la legge n. 3) per disporre finalmente di nuovi strumenti, negoziali e non, per comporre le crisi da sovraindebitamento o per disciplinare un’ordinata liquidazione del patrimonio. Nonostante la successiva radicale riforma del novembre 2012, la legge n. 3 rimane tutt’oggi in molte parti d’Italia in gran parte disapplicata, sconosciuta al grande pubblico, poco apprezzata e non adeguatamente promossa e pubblicizzata dai sindacati e dalle associazioni di categoria dei consumatori, degli imprenditori, dei professionisti e del terzo settore, per altro criticabile perché troppo complessa e farraginosa. Tuttavia, gli esperti della materia fallimentare, che si sono cimentati nelle prime applicazioni, hanno dimostrato che se approfondita, la legge italiana sul sovraindebitamento è una miniera di soluzioni innovative, che aspettano solo di essere applicate ai casi concreti, con interessanti interferenze con il concordato preventivo e gli accordi di ristrutturazione dei debiti.

Indicazioni stradali LECCE, Castello di Carlo V, Viale XXV luglio
29-30 MAGGIO 2015

All'incontro, organizzato dall’OCI con la Struttura territoriale di Lecce, possono partecipare n. 12 magistrati addetti al settore fallimentare (funzioni giudicanti), provenienti da distretti diversi da quello promotore. Chi è interessato può direttamente procedere alla domanda di partecipazione sul sito della Scuola e, se ammesso, sarà partecipante a tutti gli effetti con costi a carico della Scuola stessa, alle condizioni ivi indicate.

In ogni caso, il convegno è a partecipazione gratuita per tutti i magistrati, i quali – ancorché non ammessi tra i 12 selezionati - sono invitati a contattare la segreteria del Convegno per organizzare al meglio la condivisione dei lavori.

PESCARA, Tribunale - Aula Alessandrini, Via Antonio Lo Feudo 1
15 MAGGIO 2015

Il viaggio OCI (con la sua formidabile curiositas) continua nella costellazione del “diritto pubblico concorsuale”, ponendo a confronto il plesso giurisdizionale ordinario e quello amministrativo, alla scoperta della vera identità di istituti del tutto nuovi che sono giunti per la prima volte tra le mani dei “fallimentaristi”. A Pescara, il 15 maggio 2015, è giunto il momento di cimentarsi con questioni di altissimo profilo scientifico, ma anche di enorme complessità sistematica, con l'approfondimento di temi prettamente amministrativi come l'individuazione della natura delle società in house e della possibile esportabilità dei principi comunitari in ambito fallimentare, con riferimento alla fallibilità di tali enti ed al loro possibile accesso al concordato preventivo oppure alla disciplina del sovraindebitamento o a speciali forme di liquidazione predisposte dal legislatore.

MESSINA, Sala Visconti - via San Filippo Bianchi, n. 30
6 MARZO 2015 - ore 15.00 - 18.00

Con il coordinamento scientifico del presidente della sezione fallimentare Giuseppe Minutoli, il giudice delegato ai fallimenti del Tribunale di Messina Antonino Orifici introduce i lavori e ne discute con Domenico Nardi, Commercialista in Messina, e Gabriele Palazzotto, Commercialista in Palermo, in tema di "adempimenti fiscali nelle procedure concorsuali ed ammissione al passivo dei crediti tributari".
La partecipazione al convegno è gratuita.

София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.