• Bologna

    21-23 settembre 2018

    "Settima edizione di InsolvenzFest - Dialoghi pubblici interdisciplinari sull’insolvenza
    La geografia dei debiti"

    Leggi Tutto
  • Bari

    25-26 gennaio 2019

  • Ancona

    5-6 aprile 2019

  • Ventotene

    giugno 2019

Vota questo articolo
(3 Voti)

BARI - 31 MARZO - 01 APRILE 2017
Aula Magna Corte di Appello presso Palazzo di Giustizia

Il Convegno “Vecchie e nuove criticità del concordato preventivo”, attraverso un excursus che parte dalla presentazione della domanda fino a giungere alla sua completa esecuzione, consente di definire “lo stato dell’arte” che ruota intorno al concordato preventivo, inteso quale strumento prevalente di regolamentazione della crisi negoziata d’impresa, alla stregua delle ultimissime riforme che hanno interessato le procedure concorsuali.

Il meeting, articolato in due giornate di studio, sarà caratterizzato da una open discussion tra magistrati e professionisti, tutti studiosi della materia, che stimoleranno un confronto sui punti meritevoli di approfondimento, evidenziandone gli elementi di criticità applicativa e prospettandone le soluzioni prevalentemente condivise.

Analogamente al cosiddetto sistema di “stop and go” (strutturalmente definito come politica congiunturale del «frenare e stimolare» che si traduce, specularmente, nell’alternare incentivi monetari e fiscali nelle situazioni di elevata inflazione o di deficit della bilancia dei pagamenti), gli istituti del concordato preventivo, ordinario e con continuità aziendale, saranno “sviscerati” con la “politica del semaforo”, alla luce dell’applicazione concreta dei singoli istituti gestori della crisi, attraverso i diversi “arresti” e le successive  “ripartenze”, come interpretate dalla più illustre dottrina e giurisprudenza.

A chiusura dei lavori verrà poi dato spazio, sotto un profilo tanto teorico quanto pratico, all’incentivazione del ricorso al “concordato preventivo con continuità aziendale” in virtù del riconosciuto pregio direttamente connesso alla notoria esigenza di non disperdere i valori aziendali e di tutelare i livelli occupazionali, attraverso una meditata riflessione sulle relative ricadute applicative, privatistiche e pubblicistiche, anche a seguito delle più recenti pronunce della giurisprudenza di legittimità a Sezioni Unite. 

Per LA BROCHURE DEL CONVEGNO clicca qui

Per scaricare le slides della sessione "Il concordato ordinario e i suoi casi" clicca qui

Per scaricare le slides della sessione "Il concordato con continuità aziendale e i suoi casi" clicca qui

Introduzione

Monteleone, Di Leo, De Facendis, Magaletti, Giorgino, De Nuccio

Introduzione

Monteleone, Di Leo, De Facendis, Magaletti, Giorgino, De Nuccio

Introduzione
Il concordato ordinario e i suoi casi - I parte

Ferro, Brogi, Attanasio, Gallotta, Angarano

Il concordato ordinario e i suoi casi - I parte
Il concordato ordinario e i suoi casi - II parte

Ferro, Brogi, Attanasio, Gallotta, Angarano

Il concordato ordinario e i suoi casi - II parte
Il concordato con continuità aziendale e i suoi casi - I parte

Monteleone, Bilò, Cuoco, D’Orazio, Papaleo

Il concordato con continuità aziendale e i suoi casi - I parte
Il concordato con continuità aziendale e i suoi casi - II parte

Monteleone, Bilò, Cuoco, D’Orazio, Papaleo

Il concordato con continuità aziendale e i suoi casi - II parte

Letto 4398 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • Conferimento di criptovaluta e operazioni sul capitale societario

    Francesco Felis (Notaio in Genova)

    L’aumento di capitale con conferimento di criptovaluta non è accettato dal Tribunale di Brescia, che nega l'omologazione del verbale societario: l’uso di tale moneta può creare una mera apparenza?

    Leggi Tutto
  • Il sovraindebitamento nel codice della crisi e dell’insolvenza

    Pier Giorgio Cecchini (Dottore Commercialista in Modena)

    Tante ed apprezzabili le novità sulla disciplina del sovraindebitamento contenute nella bozza della cd. riforma Rordorf, ispirate ad incrementare il ricorso a procedure che, con l’attuale l. n. 3 del 2012, stentano ad affermarsi; si consideri infatti che nella provincia di Milano, nel periodo 2012-2016, solo lo 0,5% dei debitori

    Leggi Tutto
  • Chiusura del fallimento e liti passive ed attive alla luce dei novellati artt. 118 e 110 l. fall. e delle prospettive di riforma

    Monica Attanasio (giudice delegato presso il Tribunale di Trento)

    Una disamina approfondita ed organica dell’attuale disciplina dell’art. 118, comma 2, l.f. che non trascura le prospettive conseguenti alla possibile approvazione della riforma Rordorf.

    Leggi Tutto
  • Azzardo e scommesse: quando il gioco diventa malattia e debito 

    Gabriele Bordoni (Avvocato in Roma)

    Guardare in faccia l’azzardo, perché sull’alea vinca comunque l’uomo.

    Leggi Tutto
  • Profili di responsabilità nei sistemi di allerta

    Alessandro Rimato (Avvocato in Roma)

    In caso d’insuccesso di una procedura di composizione assistita della crisi, come si atteggiano i pagamenti preferenziali, acclarati dal giudice penale come fatti di bancarotta e quali riflessi si determineranno sul piano civilistico in punto di azione di responsabilità? Con il presente contributo si pongono le premesse per ulteriori approfondimenti.

    Leggi Tutto
  • Can neurosciences explain financial crises?

    Francesca Papa (BA in Politics, Philosophy and Economics presso la LUISS Guido Carli di Roma)

    Attraverso le nuove branche di Behavioral Economics (economia comportamentale) e Neuroeconomia, la disciplina economica sta gradualmente scoprendo che, a dispetto di quanto generalmente assunto dai modelli tradizionali, gli esseri umani deviano significativamente dai presunti standard di razionalità e tendono a commettere prevedibili errori cognitivi. In che misura tali deviazioni sono

    Leggi Tutto
  • Soluzioni per l’accertamento precoce della crisi

    Paolo Bastia (Ordinario di economia aziendale, Università di Bologna e Luiss “Guido Carli” di Roma)

    Quali sono le conseguenze sull'organizzazione aziendale delle misure di allerta introdotte dalla bozza dei decreti legislativi della Riforma Rordorf? La risposta in questo interessante contributo di un importante docente di economia aziendale.

    Leggi Tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.