fbpx
  • Bologna

    15-18 settermbre 2022

    Undicesima edizione di InsolvenzFest
    Debiti e giovani

    Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento)

    Leggi Tutto
  • Firenze

    11-12 novembre 2022

    Emersione e composizione della crisi: la continuità aziendale

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nella vigente legge fallimentare la parola “fattibilità” compare, per quanto qui interessa, una sola volta e cioè nell'art. 161 l.fall. a proposito del fatto che un professionista deve attestare in una relazione che il piano è fattibile. I cultori delle banche-dati, incrociando i lemmi giusti, con assoluta semplicità possono avvertire che sino al 2005 la parola “fattibilità” non compariva nelle migliaia e migliaia di massime estratte dalla Voce di uno dei più diffusi Repertori di giurisprudenza.

Per quanto consta il primo provvedimento nella cui massima compare il termine è un decreto del Tribunale di Sulmona. Possiamo allora già trarre una prima conclusione e cioè che sino alla riforma del concordato introdotta col d.l. 35/2005 una questione di fattibilità del concordato preventivo non si poneva proprio. Ad analoghe conclusioni si giunge guardando allo stato della letteratura.

Se, invece, la curiosità si spinge a ritroso ecco che il termine (omogeneo) “inattuabilità” compare nell’art. 6 del d.d.l. di iniziativa parlamentare a firma Fassino e altri presentato nel corso della XIV legislatura. In quel caso si precisava che il tribunale avrebbe dovuto dichiarare inammissibile la domanda ove “manifestamente inattuabile”.

Nello stesso periodo il Governo aveva insediato una Commissione ministeriale col compito di redigere uno schema di disegno di legge delega; orbene, all’art. 4 di quel disegno, si diceva che il commissario giudiziale era tenuto a presentare entro breve termine una relazione sulla fattibilità del piano. Nella stessa disposizione si prevedeva che in ogni momento il tribunale potesse far cessare la procedura ove il piano risultasse non attuabile.

Nel disegno di legge redatto da una Seconda Commissione ministeriale (questa volta un d.d.l. di legge ordinaria) all’art. 23 si stabiliva potesse cessare la procedura quando il tribunale avesse rilevato che il piano non poteva essere attuato; mentre all’art. 28 si prevedeva che in sede di giudizio di omologazione la questione dell’attuabilità del piano potesse essere dedotta in presenza di opposizioni di creditori almeno pari al dieci per cento o di relazione sfavorevole del commissario giudiziale.

Orbene, balza, subito, all’evidenza che negli artt. 160-186 (ora 186 bis) l.fall., tutto ciò non è affatto preso in considerazione dal legislatore che si limita a stabilire che la fattibilità del piano è “certificata” dal professionista attestatore secondo quanto disposto nell’art. 161 l.fall.

Questo a me pare un primo tassello per smontare la critica di chi assume che l’esclusione del giudizio di fattibilità sarebbe frutto di mero ideologismo.

Articoli della legge fallimentare interessati: ART. 161 (l.f.), ART. 162 (l.f.)

Per scaricare l'intero articolo clicca qui.

Letto 5424 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.