fbpx
  • Ancona

    17-18 aprile 2020

    "Dagli indicatori della crisi alle misure protettive e premiali nella nuova concorsualità"

    Leggi Tutto
  • Catania

    12-13 giugno 2020

    "Le “Responsabilità” nel codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza"

    Leggi Tutto
  • Bologna

    17-20 settermbre 2020

    "Nona edizione di InsolvenzFest - i dialoghi pubblici per capire crisi debiti e diritti"

    Segui la diretta live dell'evento (disponibile durante le ore di svolgimento dell'evento)

    Leggi Tutto
  • Perugia

    23-24 ottobre 2020

    "L’apertura delle nuove procedure concorsuali: prime applicazioni”

    Leggi Tutto
  • Firenze

    20-21 novembre 2020

    "Rilevazione della crisi e allerta: prime applicazioni"

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(2 Voti)
FIRENZE - 6 GIUGNO 2019, ORE 14:30
Università degli Studi di Firenze, Dipartimento di Scienze Giuridiche 


Dal prossimo 15 agosto 2020 l’entrata in vigore di tutte le norme contenute nel Codice della crisi e dell’insolvenza (adottato con D. lgs. 12 gennaio 2019, n. 14) metterà fine, dopo quasi ottant’anni, alla legge fallimentare del 1942. Da allora, non solo è solo mutato il contesto economico e la consapevolezza della pluralità dei piani in cui può giocare la concorsualità (sia per assicurare un’effettiva tutela di tutti i creditori a parità di armi, sia per consentire al debitore di rimettersi in gioco mediante l’esdebitazione), ma anche quello normativo, dove la partita non si gioca più solamente in ambito nazionale, ma anche in quello sovranazionale. Proprio il legislatore europeo sta per adottare un’importante direttiva in punto di quadri di ristrutturazione preventiva, seconda opportunità e misure volte ad aumentare l'efficacia delle procedure di ristrutturazione, insolvenza e liberazione dai debiti. La direttiva, già stata oggetto di votazione da parte del Parlamento Europeo lo scorso 28 marzo 2019 e attualmente nei passaggi conclusivi del suo iter, si occupa di temi fondamentali nella crisi (continuità aziendale, seconda opportunità, tutela di posti di lavoro, esdebitazione). Si pone quindi la questione relativa al confronto tra il Codice della crisi italiano, attualmente in vacatio legise la direttiva europea in corso di definizione, considerato che il Codice della crisi, pubblicato in G.U. lo scorso gennaio, è suscettibile di ulteriori aggiustamenti in virtù della delega conferita al Governo con la Legge 8 marzo 2019, n. 20.

Di tali problemi discuteranno, nell’ambito di un convegno che vede la compartecipazione dell’Osservatorio sulle Crisi di Impresa con l’Università degli Studi di Firenze e la Scuola Superiore della Magistratura – Struttura decentrata della Corte di Appello di Firenze, Silvia Governatori(Giudice delegata in Firenze), con Mauro Bini(Ordinario di finanza aziendale dell’Università Bocconi di Milano), Roberto Bellé (Consigliere della Corte di Cassazione), Raffaella Brogi(Giudice delegata in Prato), Ilaria Pagni(Ordinaria di diritto processuale civile presso l’Università degli Studi di Firenze), Lorenzo Stanghellini(Ordinario di diritto commerciale presso l’Università degli Studi di Firenze.


Introduzione alla direttiva UE

Silvia Governatori

Introduzione alla direttiva UE

Silvia Governatori

Introduzione alla direttiva UE
La continuità aziendale nella direttiva UE

Raffaella Brogi

La continuità aziendale nella direttiva UE
Struttura, finalità e novità della Direttiva UE

Lorenzo Stanghellini

Struttura, finalità e novità della Direttiva UE
La prospettiva dell'aziendalista

Mauro Bini

La prospettiva dell'aziendalista
I rapporti di lavoro nella Direttiva UE

Roberto Bellé

I rapporti di lavoro nella Direttiva UE
Profili processuali nel CCI e nella Direttiva UE

Ilaria Pagni

Profili processuali nel CCI e nella Direttiva UE

 

Letto 1279 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.