fbpx
Stampa questa pagina
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il contributo affronta il tema della responsabilità del curatore fallimentare, prendendo in esame sia gli aspetti sostanziali che quelli processuali.

Sotto il primo profilo, ci si sofferma sulle fonti degli obblighi del curatore, sulla natura giuridica (contrattuale e/o extracontrattuale) della sua responsabilità e, in particolare, se ed in quali termini egli possa essere chiamato a rispondere per aver adottato scelte liquidatorie rivelatesi svantaggiose rispetto ad altre (ad es., optando per vendite atomistiche di beni piuttosto che per alienazioni di rami di azienda). Dal punto di vista processuale, si esamina poi quali soggetti siano legittimati a promuovere l’azione di risarcimento danni nei suoi confronti.

La riflessione viene inoltre completata richiamando, di volta in volta, anche le corrispondenti norme contenute nello schema di decreto legislativo recante Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza (in questi giorni al vaglio del Consiglio dei Ministri) fornendo così un quadro dinamico dell’argomento, tra presente e futuro.

Articoli della legge fallimentare interessati: ART. 37 (l.f.)ART. 38 (l.f.), ART. 116 (l.f.)

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 1081 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.