• Bari

    1-2 febbraio 2019

    "L'accertamento dello stato passivo e il pagamento dei crediti"

    Leggi Tutto
  • Ancona

    5-6 aprile 2019

    "Rapporti tra procedure concorsuali e giurisdizione ordinaria"

    Leggi Tutto
  • Ventotene

    20-23 giugno 2019

    "Piccole insolvenze, costi e durata delle procedure concorsuali: Italia in Europa?"

  • Bologna

    20-22 settembre 2019

    "Ottava edizione di InsolvenzFest - Dialoghi pubblici interdisciplinari sull’insolvenza
    Il tempo dei debiti"

    Leggi Tutto
  • Perugia

    25-26 ottobre 2019

    "I soggetti e l’apertura della procedura concorsuale”

  • Brindisi

    23-24 novembre 2018

    "Anticipazione della crisi: le nuove scommesse della riforma"

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il commento parte dall'esame dei principi elaborati in materia contrattuale circa l'utilizzo delle criptovalute e verifica la possibilità di utilizzare i criteri elaborati in quel settore anche in campo societario, nonchè i limiti del loro utilizzo.

L'omologazione dei verbali assembleari presenta caratteristiche diverse rispetto al ricevimento di un atto notarile di trasferimento con il quale si fa ricorso alle criptovalute come mezzo di pagamento. I dubbi sollevati in ambito contrattuale - ma che non impediscono, a rigore, la stipula dell'atto - potrebbero impedire l'omologazione del verbale societario.

In campo societario, al fine di non creare un “capitale apparente", esigenza che è stata posta in rilievo in ambito contrattuale dal Consiglio Nazionale del Notariato, potrebbe essere utile, anche ai fini di rispettare il principio dell'integrità del capitale sociale, richiedere la presenza di una relazione di stima e di una polizza o fidejussione nel caso di conferimento di criptovaluta. Prescindendo dalle discussioni circa la loro natura giuridica: come se si trattasse di un conferimento di beni in natura o di crediti.

Il decreto del Tribunale di Brescia nega l'omologazione del verbale societario sulla base di criteri legati alla particolare criptovaluta utilizzata, ma in realtà fa riferimento a una critica alla relazione di stima prodotta, critica non sufficientemente approfondita.

Comunque i dubbi sul conferimento societario utilizzando quella determinata criptovaluta potrebbero estendersi all'utilizzo di ogni criptovaluta, tale essendo le incertezze presenti circa questo strumento che crea "apparenza".

Le esigenze di tutela dei creditori sociali, che il decreto del Tribunale di Brescia pone in evidenza, in termini generali come possibile pregiudizio, possono trovare risposta proprio in un accorto utilizzo congiunto della relazione di stima e della polizza o fidejussione.

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 440 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.