fbpx
  • Bari

    22-23 ottobre 2021

    "Crisi d’impresa e risanamento aziendale nel d.l. 24 agosto 2021 n. 118"
    Convegno dedicato a Giovanni Lo Cascio

    Leggi Tutto
  • Firenze

    26-27 novembre 2021

    "Contratto e concorsualità tra emersione anticipata della crisi e regolazione dell’insolvenza: le ultime riforme"
    Convegno per il decennale dell'OCI

    Leggi Tutto
Vota questo articolo
(1 Vota)
Curriculum di Antonio Pezzano (avvocato del foro di Firenze) & Massimiliano Ratti (avvocato del foro di La Spezia)

La legge 19 ottobre 2017 n. 155 è in dirittura di arrivo: il favor per il concordato in continuità, quale ganglio dei principi delega delineati negli artt. 2 e 6, rischia di evaporare senza un coordinato intervento attuativo sui temi della qualificazione della domanda di concordato e dell’allocazione della finanza “nuova” generata con la prosecuzione dell’attività di impresa. Gli Autori, partendo nel loro ragionamento deduttivo dall’attuale contesto normativo e prendendo spunto dalle più significative pronunce, sia di merito che di legittimità, giungono alla conclusione della libera allocazione delle risorse che vengono generate successivamente all’omologa del concordato.

Articoli della legge fallimentare interessati: ART. 160 (l.f.)ART. 182quinquies (l.f.)ART. 186bis (l.f.)

Per scaricare l'intero articolo clicca qui

Letto 2544 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
София plus.google.com/102831918332158008841 EMSIEN-3

Area Riservata

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.